Mostra “Da Costa a Costa” febbraio 2007

Le fotografie delle postazioni militari nel palermitano

Continua a leggere »

Mostra Fortificazioni dal XVI al XX sec.

03 maggio 2008                               Si é tenuta al Circolo Sottufficiali di Presidio la mostra su: “Fortificazioni costiere palermitane dal XVI al XX secolo”. Sono state esposte fotografie delle fortificazioni costiere, antiche e moderne, esistenti lungo la suggetiva costa palermitana. Sono intervenuti: […]

Continua a leggere »

L’Ambasciatore della RFT per il 70° dello Sbarco Alleato in Sicilia

  L’Ambasciatore della Repubblica Federale di Germania, Ecc. Schäfers, si é recato a visitare la mostra sui tedeschi a Palermo organizzata nell’ambito delle manifestazioni curate da Mediterraniae e RAI per il 70° anniversario dello Sbarco in Sicilia del 1943. Come più volte ribadito non si é trattato di celebrazioni ma soltanto di ricordare un periodo […]

Continua a leggere »

Cartolina per il 70° dello Sbarco Alleato del 1943

                La cartolina é stata stampata grazie al contributo dato dal Rotary Club Palermo Est alle Manifestazioni e distribuita, gratuitamente, in tutti gli eventi cittadini.

Continua a leggere »

22 luglio 2013 RAI Concerto Carabinieri

Presso l’Auditorium RAI di Palermo si svolta la manifestazione che chiude la ricorrenza dello Sbarco Alleato in Sicilia e del conseguente ingresso delle truppe americane a Palermo il 22 luglio 1943: “Luglio 1943. Palermo sotto un cielo di stelle e … strisce”. Degna conclusione delle giornate precedenti con la Fanfara del 12° Btg Carabinieri Sicilia […]

Continua a leggere »

Visita alla Base Navale di Sigonella 2013

Interessante ed istruttiva visita alla Base Navale USA di Sigonella. Per la cronaca, tutti i lavori della base sono stati eseguiti dalle Coop Rosse.

Continua a leggere »

Passo del Garrone, visita alla postazione della WW II

 

Continua a leggere »

A bordo della USS INCHON 1980

Continua a leggere »

Conferenza al Circolo Sottufficiali di Palermo – Ottobre 2003

                  Conferenza, al Circolo Sottufficiali di Presidio, sulla città di Palermo durante il periodo bellico e sullo Sbarco in Sicilia.

Continua a leggere »

Cefalù Museo Mandralisca 2003

Conferenza al Museo assieme al Giudice Salvatore Martino, nell’ormai lontano 2003, sulle devastazioni e implicazioni sociali della guerra a Palermo.

Continua a leggere »

Mostra “Da Costa a Costa” febbraio 2007

Invito alla presentazione del libro dal quale la mostra prende spunto

Invito alla presentazione del libro dal quale la mostra prende spunto

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Le fotografie delle postazioni militari nel palermitano
Altre fotografie

Altre fotografie

Descizione della Mostra

Descizione della Mostra

Mostra Fortificazioni dal XVI al XX sec.

03 maggio 2008

Invito Mostra Fortificazioni

Invito Mostra Fortificazioni

Alcuni tra gli intervenuti

Alcuni tra gli intervenuti

Foto della Mostra

Foto della Mostra

Foto della mostra

Foto della mostra

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si é tenuta al Circolo Sottufficiali di Presidio la mostra su: “Fortificazioni costiere palermitane dal XVI al XX secolo”. Sono state esposte fotografie delle fortificazioni costiere, antiche e moderne, esistenti lungo la suggetiva costa palermitana. Sono intervenuti: il dott. Maurizio Graffeo, il prof. Saverio Brancato (purtroppo ora scomparso), il dott. Gian Paolo La Colla, l’arch. Salvo Greco, il dott. Rino Francaviglia, l’arch. Giuseppe Valenti.

L’Ambasciatore della RFT per il 70° dello Sbarco Alleato in Sicilia

Io Ambasciatore  Schäfers e Cons. Militello all'Utveggio

Da dx: Ambasciatore Schäfers, Presidente Albergoni  e Console Onorario Militello, all’Utveggio.

 

L’Ambasciatore della Repubblica Federale di Germania, Ecc. Schäfers, si é recato a visitare la mostra sui tedeschi a Palermo organizzata nell’ambito delle manifestazioni curate da Mediterraniae e RAI per il 70° anniversario dello Sbarco in Sicilia del 1943. Come più volte ribadito non si é trattato di celebrazioni ma soltanto di ricordare un periodo importante della nostra storia e comune a tutte le Nazioni coinvolte. Il Diplomatico era accompagnato dal Console Onorario della RFT a Palermo Prof. Dott. Militello.  Il Presidente del CERISDI prof. Cardinale, l’arch Salamone e il dott. Tantillo hanno reso possibile la mostra e hanno dato la possibilità a quanti non conoscevano il Castello di poterlo visitare.

Cartolina per il 70° dello Sbarco Alleato del 1943

Cartolina Luglio 1943 lato A

Cartolina Luglio 1943 lato A

Cartolina Luglio 1943 lato B

Cartolina Luglio 1943 lato B

 

 

 

 

 

 

 

 

La cartolina é stata stampata grazie al contributo dato dal Rotary Club Palermo Est alle Manifestazioni e distribuita, gratuitamente, in tutti gli eventi cittadini.

22 luglio 2013 RAI Concerto Carabinieri

Presso l’Auditorium RAI di Palermo si svolta la manifestazione che chiude la ricorrenza dello Sbarco Alleato in Sicilia e del conseguente ingresso delle truppe americane a Palermo il 22 luglio 1943: “Luglio 1943. Palermo sotto un cielo di stelle e … strisce”. Degna conclusione delle giornate precedenti con la Fanfara del 12° Btg Carabinieri Sicilia che ha eseguito magistralmente brani dell’epoca e moderni sotto l’impeccabile maestria del Direttore. Altrettanto bella e degna di nota l’esecuzione dei brani del Trio Lescano di nuova formazione.

22 luglio 2013 Fanfara 12 btg CC

22 luglio 2013 Fanfara del 12° Btg CC Sicilia.

 

Visita alla Base Navale di Sigonella 2013

Interessante ed istruttiva visita alla Base Navale USA di Sigonella. Per la cronaca, tutti i lavori della base sono stati eseguiti dalle Coop Rosse.

Cokpit quadrimotore Orion

Cockpit del quadrimotore Orion

Visita a Sigonella. A bordo dell'Orion antisom.

Visita a Sigonella NAS. A bordo dell’Orion antisom.

Passo del Garrone, visita alla postazione della WW II

Attilio Passo Garrone 11.06.09

Attilio Albergoni al Passo Garrone 11.06.09.       Visita effettuata con il socio Roberto Campanella

 

A bordo della USS INCHON 1980

Io e lt. Kennedy sul ponte della USS Inchon a Palermo

Io e lt. R. Kennedy sul ponte della USS Inchon a Palermo

Conferenza al Circolo Sottufficiali di Palermo – Ottobre 2003

Autorirtà civili e militari

Autorirtà civili e militari

Da sx: Gen. Gentile della G.d.F. - Attilio Albergoni - dott. Nicola Di Maio

Da sx: Col. Gentile della G.d.F. – Attilio Albergoni – dott. Nicola Di Maio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Conferenza, al Circolo Sottufficiali di Presidio, sulla città di Palermo durante il periodo bellico e sullo Sbarco in Sicilia.

Cefalù Museo Mandralisca 2003

Da sx il Giudice Salvatore Martino, Attilio Albergoni,

Da sx il Giudice Salvatore Martino, Attilio Albergoni,

Museo Mandralisca Cefalù

Museo Mandralisca Cefalù

Conferenza al Museo assieme al Giudice Salvatore Martino, nell’ormai lontano 2003, sulle devastazioni e implicazioni sociali della guerra a Palermo.

This feature has not been activated yet. Install and activate the WordPress Popular Posts plugin.

Sbarco in Sicilia 9 luglio 1943

                                                         9/10 luglio 1943

Cartina Alleata della Sicilia del luglio 1943

Cartina Alleata della Sicilia del luglio 1943

Lo sbarco alleato in Sicilia

In pochi, ormai, conoscono il significato di questa data e di questa ricorrenza, spesso gli stessi giornali non ne danno notizia o soltanto qualche accenno di colore. Premesso che ancora c’è tanto da dire e da scrivere, ciò che successe allora cambiò radicalmente la vita degli italiani e degli europei dato che l’incontro, o lo scontro se preferite, tra la cultura anglo americana  e quella europea portò nel prosieguo degli anni ad un radicale cambiamento dei costumi delle popolazioni. Ma andiamo per ordine. L’Italia combatteva una guerra, che non avrebbe dovuto combattere, già da tre anni, prima

contri gli inglesi e poi contro gli americani (tralasciamo il resto della coalizione). L’iniziale esuberanza mussoliniana andò man mano scemando con le sconfitte sui vari fronti e, dulcis in fundo, con la perdita dell’Africa. I soldati superstiti approdarono in Sicilia e nel bene e nel male approntarono una serie di opere di difesa in previsione di un quasi impossibile, secondo alcuni, sbarco sulle nostre coste. Nella notte tra il nove e il dieci luglio 1943 avanguardie paracadutate anglo americane diedero il via all’operazione Husky atterrando, anche con alianti, sul suolo siculo, c’è da dire che non fu proprio una brillante operazione ma bastò a gettare nel caos le guarnigioni italo tedesche di stanza nell’isola.

Policlinico di Palermo uno degli ingressi con ancora l'indicazione dell'Ospedale americano.

Policlinico di Palermo. Uno degli ingressi con ancora l’indicazione dell’Ospedale americano.

All’alba dell’indomani avvenne lo sbarco vero e proprio con una quantità tale di navi e mezzi da trasporto che gli increduli siciliani della costa sud non credettero ai loro occhi nel non vedere più il mare Mediterraneo. La VII Armata americana e l’8^ inglese iniziarono così l’assalto alla Festung Europa o se preferite la frase di Churchill al “ventre molle” dell’Asse. Tanto molle non doveva essere se per conquistare tutta l’isola dovettero impiegare ben 38 giorni, molto più di quanto impiegò Hitler per invadere proditoriamente la Polonia, ma il conquistare le basi aeree siciliane e i suoi porti agevolò non poco il prosieguo della campagna italiana ed europea. La situazione isolana non era delle migliori, i bombardamenti aerei non avevano lasciato molto di intatto e il passaggio delle truppe con i loro combattimenti campali aveva completato l’opera di desolazione. Molti erano i soldati alleati, americani, che rimettevano piede in Sicilia dopo una parentesi di emigrazione negli States e ciò fece si che in certi casi proprio quelli che dovevano essere i più vicini alla popolazione d’origine, si presero le loro brave rivincite con vessazioni e soprusi spesso abbastanza pesanti. I siciliani conobbero però prodotti alimentari mai visti come il prosciutto in scatola o l’uovo in polvere, mezzi meccanici apripista ed scavatori, veicoli come la intramontabile Jeep (contrazione di General Purpose), musiche moderne frenetiche e tanto altro. Come spesso accade ci si adeguò subito a tutto e si volle cancellare il passato, spesso anche troppo velocemente come accade ancora oggi in guerre a noi ben conosciute, un colpo di vernice e via. Ma la vernice non cancella, copre, tanto che in uno dei pilastri di un ingresso al Policlinico di Palermo, sotto sotto è spuntata una scritta policroma dell’ingresso al 59° Evacuation Hospital americano e la stessa cosa avviene per le scritte dei ricoveri antiaerei.

                                                                                                                             Attilio Albergoni

La riproduzione del testo o parte di esso e delle fotografie è vietata 2010©

Top